Storia der Rotary Club di Sulmona


Il Rotary Club di Sulmona è stato fondato nel mese di febbraio 1961 ed ha avuto come Club padrino il Club di L’Aquila Centro. Ben presto raggiunse il ragguardevole numero di cinquanta soci.
Le attività svolte nel campo sociale, all’insegna del servire al di sopra del personale interesse, si distinsero nel donare, nel 1963, all’Ospedale civile della città di Sulmona attrezzature sanitarie ed in particolare un polmone artificiale per la dialisi.
Il Club di Sulmona è stato cofondatore, unitamente ad altri Club del Distretto, di un Campus per disabili nell’anno 1985, intervento di carattere sociale che ancora oggi viene portato avanti con notevole impegno.
Per taluni anni vennero istituite borse di studio per gli studenti più meritevoli, pubblicate tesi di laurea svolte su argomenti culturali peligni nonché pubblicati gli atti del Certamen Ovidianum, competizione nazionale ( divenuta negli ultimi anni a carattere internazionale ) consistente nella traduzione di brani delle opere di Ovidio, poeta latino nato in Sulmona nel primo secolo a.C.
Il Club ha sostenuto le spese per restauro di opere d’arte, quali una raccolta di monete di epoca imperiale romana rinvenute in siti archeologici locali, un sarcofago del II secolo dopo Cristo conservato nel Museo civico, il restauro ( unitamente all’Inner Wheel di Sulmona) della statua dedicata al poeta Ovidio, il restauro di dipinti conservati nel Museo civico, in particolare alcuni del pittore Patini..
Sono stati organizzati convegni su argomenti di interesse generale, nel campo della Medicina, sull’alimentazione, sui rischi derivanti da terremoti, sul giornalismo. Ha avuto un Governatore distrettuale, nell'anno 1973-'74, nella persona di Raffaele Del Basso Orsini.
Nell'anno rotariano 1987-'88 fu assegnato a l Rotary Club di Sulmona il prestigioso Premio "Omero Ranelletti", un riconoscimento che i distretti della Toscana-Emilia Romagna e del Lazio-Sardegna conferivano a un club del nostro distretto per essersi distinto nelle migliori attività tra tutte quelle programmate e realizzate.
Ha sempre intrattenuto ottimi rapporti con le Amministrazioni locale e del Territorio nonché con le altre Associazioni di rilievo quali il Lions, l’ArcheoClub.
Ha festeggiato con ampio rilievo e con l’emissione di francobolli celebrativi il centenario del Rotary International, il ventennale ed il quarantacinquennale del Club.
Aggiornamenti

I club gemellati con Sulmona sono Tunisi sud (nel 2007) e Costanza Cetatea Tomis (nel 2015).
Nel 2009 ha avuto luogo la visita al club di Ohrid (Macedonia).Da anni il clud di Sulmona organizza una giornata sportiva basata sullo sport esercitato dai disabili 'Insieme nello sport' e le Giornate rotariane sulla neve a Roccaraso, con gare rivolte anche ai disabili naturalmente tenendo conto della praticabilità delle piste.
Nel 2009 il viaggio in Cappadocia (Turchia) e viaggio a carattere culturale nel Veneto.Nel 2010 un importante convegno su 'La prevenzione dal terremoto', a seguito del diisastroso terremoto dell'Aquila del 6 aprile 2009, da cui, sia pure in misura minore, anche Sulmona era stata colpita.Pure nel 2009 è ripresa la 'partnership' del Rotary Club di Sulmona nel concorso internazionale di lingua latina 'Certamen Ovidianum Sulmonense' con in premio da parte del club di una preziosa 'cinquecentina' al migliore studente.
Sempre nel 2010, viene festeggiato il famoso pittore sulmonese Italo Picini, che compie novant'anni. I cinquant'anni del club, nel 2011, vengono festeggiati con il vescovo di Sulmona e Valva, Mons. Angelo Spina, con il restauro della tela di S. Biagio presso la cattedrale di S. Panfilo a Sulmona.
Pure nel 2011 viene resa giustizia al poeta Ovidio, morto in esilio ai tempi dell'imperatore Augusto, con un processo (tenuto da reali uomini di legge) presso il cinema 'Pacifico' che, oltre ad essere un processo postumo, come altri già avvenuti, ha la veste di ufficialità, in quanto la sentenza assolutoria viene ratificata dal consiglio comunale di sulmona e viene inviata al 'Senato' (ora consiglio comunale) di Roma, per anuallare la 'relegatio'.
Nel 2013, due iniziative importanti: la sottoscrizione popolare promossa dal club per il restauro della Cappella Mazara, presso cimitero di Sulmona, e il sostegno della manifestazione teatrale 'La poesia che salva il mondo', una sintesi delle opere pastorali di Gabriele D'Annunzio, tenuta presso il carcere di Sulmona, interpretata per la massima parte da detenuti, con la regia della Prof.ssa Vilma De Santis. Nel 2014 si è iniziato il progetto di 'Un defibrillatore per la vita', che nel 2015 ha permesso di dotare la città di Sulmona (tra luoghi frequentati da pubblico e scuole) di circa 20 defibrillatori cardiaci semi-automatici. Nel 2015 l'avvenimento più importante è stato senza dubbio il già ricordato gemellaggio con il club Costanza Cetatea Tomis (Romania), in preparazione delle celebrazioni della morte di Ovidio, avvenuta appunto nella città romena. Ma anche importante è l'avvio della costituzione del club gemello a Castel di Sangro.